Il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.
Accetto i cookies
STADEIT
homeChi siamoSocietà trasparenteNewsInformazioni utiliContatti
Facile accesso ai mezzi di trasporto STAZIONI & TRENI Sostenibile & sicuro

OK per la nuova legge sulla mobilità

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera alla nuova legge

Nuove norme per l'assegnazione dei servizi nel trasporto pubblico.
Il Consiglio dei Ministri ha dato via libera oggi (15 gennaio) alla nuova legge provinciale sulla mobilità pubblica. "Adesso possiamo avviare il riordino del settore in Alto Adige e creare una piattaforma unitaria per tutta la materia", sottolinea l'assessore provinciale Florian Mussner.
La nuova legge provinciale approvata ora anche dal Governo è frutto del coinvolgimento dei diversi gruppi di interesse, del lavoro accurato degli uffici competenti e di un testo formulato in modo chiaro. "È una buona base per consolidare il livello della mobilità pubblica in Alto Adige e garantire la qualità dei servizi di bus e treno", osserva l'assessore Mussner. I servizi di trasporto pubblico, in base alla normativa UE, non saranno più assegnati in concessione bensÌ messi in gara secondo la procedura dei bacini di utenza prevista in sede europea. Non verrà più considerato solo il prezzo dell'offerta ma anche in particolare la qualità della prestazione. I servizi ferroviari, di autobus urbani, í collegamenti funiviari e i servizi di linea integrativi (ad esempio Nightliner o Skibus) potranno essere banditi separatamente.
Importante, secondo Mussner, è anche il fatto di aver fissato gli strumenti di pianificazione: con il piano provinciale decennale della mobilità vengono definiti i bacini di utenza per l'assegnazione dei servizi di linea, i servizi minimi nonchè le infrastrutture necessarie. È previsto inoltre un programma triennale di investimenti con un'adeguata organizzazione delle risorse. I prossimi passi saranno l'elaborazione del regolamento di attuazione e del piano provinciale della mobilità. Dal novembre 2018 è prevista l'effettuazione dei servizi di trasporto affidati con contratti di servizio, secondo le direttive comunitarie.
53,2 milioni
sono le obliterazioni registrate nell'anno 2015 nel trasporto pubblico in Alto Adige.