Il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.
Accetto i cookies
STADEIT
homeChi siamoSocietà trasparenteNewsInformazioni utiliContatti
Facile accesso ai mezzi di trasporto STAZIONI & TRENI Sostenibile & sicuro

Dal CIPE 49 milioni per la variante di Riga

Finanziamento dal comitato interministeriale per la programmazione economica

La linea della Pusteria sarà collegata direttamente con quella del Brennero
Soddisfazione di Kompatscher e Mussner per lo stanziamento da parte del CIPE di 49 milioni di euro per i lavori della variante ferroviaria Val di Riga: Grazie alla variante Val di Riga, la linea ferroviaria della Pusteria sarà collegata direttamente con quella del Brennero
Dal fondo di sviluppo e coesione del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) arriva un contributo per la realizzazione della variante ferroviaria Val di Riga. "Con i 49 milioni messi a disposizione da Roma - commenta il presidente Arno Kompatscher - facciamo un importante passo in avanti per la realizzazione di un'opera prioritaria per il territorio in un'ottica di mobilità sempre più sostenibile, a tutto vantaggio di pendolari e passeggeri. Ciò è frutto della buona collaborazione sia con il CIPE, sia con il Ministro dei trasporti Graziano Delrio".
Il fondo di sviluppo e coesione è un piano operativo che garantisce finanziamenti sino al 2020 per una serie di opere pubbliche, e il sostegno alla variante Val di Riga, "contribuirà a migliorare concretamente il servizio di trasporto pubblico in Alto Adige", commenta Florian Mussner. L'assessore alla mobilità ricorda che "grazie alla possibilità di collegare direttamente la linea della Val Pusteria con quella del Brennero, non solo metteremo a disposizione dei cittadini un'alternativa concreta all'auto privata, con le inevitabili ricadute positive sull'ambiente, ma garantiremo anche tempi molto più rapidi di percorrenza. Già entro la fine dell'anno - conclude Mussner - verranno discusse in Giunta provinciale le caratteristiche tecniche dell'opera".