Il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.
Accetto i cookies
STADEIT
homeChi siamoSocietà trasparenteNewsInformazioni utiliContatti
Facile accesso ai mezzi di trasporto STAZIONI & TRENI Sostenibile & sicuro

Treno Val Venosta: da domenica torna in esercizio

Sistema di chiusura delle sbarre è assicurato da un doppio controlle

Da domenica 23 luglio riattivata la ferrovia della Venosta
Da domanica mattina la ferrovia della Venosta torna in esercizio secondo il consueto orario. "I tecnici della STA e delle imprese specializzate hanno lavorato a fondo per assicurare con una doppia modalità di controllo il sistema di regolazione e chiusura dei passi a livello su tutta la linea", spiega l'assessore provinciale alla mobilità Florian Mussner. Dal 6 luglio la circolazione ferroviaria era stata sospesa per ragioni di sicurezza dopo che un passaggio aveva registrato un guasto tecnico.
I sensori che controllano la chiusura dei passaggi a livello, sottolinea il direttore di STA Joachim Dejaco, saranno accoppiati con quelli che sovrintendono all'apertura, in modo che in caso di malfunzionamento di una parte del sistema di chiusura i treni non potranno transitare ai passaggi. Per approntare questo sistema del doppio controllo è stato necessario un nuovo cablaggio per i comandi delle sbarre di ogni passaggio a livello, realizzato da tecnici specializzati delle aziende Wegh, Ansaldo STS e STA e validato da Italcertifer, soggetto indipendente specializzato in verifiche sulla sicurezza. Si è lavorato su 32 passaggi a livello con 74 barriere.
Fino a domani pomeriggio saranno eseguiti gli ultimi test e verifiche. "Ringraziamo ancora gli utenti per la loro comprensione e tutti coloro che si sono attivati per la soluzione in tempi rapidi, compatibilmente con il problema", ribadisce Mussner. Nel periodo di fermo dei treni il servizio è stato assicurato ogni giorno da 20 autobus, 30 autisti e 160 corse.