Il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.
Accetto i cookies
STADEIT
homeChi siamoSocietà trasparenteNewsInformazioni utiliContatti
Facile accesso ai mezzi di trasporto STAZIONI & TRENI Sostenibile & sicuro

Linea parzialmente interrotta

Organizzati autobus sostitutivi

Martedì 9 gennaio 2018, attorno alle ore 6:10 del mattino, i binari della ferrovia della Val Venosta sono stati interrotti da una frana all’altezza di Covelano, al km 66+800. La frana copre i binari per una lunghezza di 10 metri con circa 30-40 cm di neve e terra. Il treno 102 ATR con partenza alle ore 5:42 da Malles è stato interrotto quando ha transitato sulla massa di terra ed è leggermente uscito dai binari. Non ci sono stati feriti e secondo una prima stima ci sono stati solo leggeri danni al treno e all’infrastruttura. A bordo del treno si trovavano il conducente e 25 passeggeri, che sono stati portati illesi a Silandro dai mezzi di soccorso.

Il conducente ha avvisato la centrale a Merano, la quale ha subito contattato il 112. Sono arrivati subito sul posto i Vigili del Fuoco, i responsabili del Servizio Civile, i geologi.

Servizio autobus sostitutivo
Al momento la linea della Val Venosta è interrotta. Il treno viaggia nel tratto Malles-Silandro e Laces-Tel. Un servizio autobus sostitutivo circola con cadenza oraria.

Il treno nel frattempo è stato riportato sui binari quasi totalmente dai lavoratori sul posto e successivamente verrà portato in officina. Il direttore d’esercizio della ferrovia della Val Venosta, Marco Stabile, è sul posto per valutare la situazione assieme ai geologi e ai responsabili del Servizio Civile. Non appena avremo informazioni sulle procedure e su quando la linea sarà nuovamente attiva, le renderemo note.

La frana è stata causata dalle forti precipitazioni di questa notte, che hanno causato una valanga sul pendio sovrastante, la quale ha fatto staccare il materiale già gonfio d’acqua. La causa della frana è stata la forte precipitazione di acqua e neve della scorsa notte e l’aumento delle temperature.